Dimensionamento Pannelli Fotovoltaici

Prima di acquistare un impianto solare per la produzione di energia elettrica è bene pensare al suo dimensionamento, ovvero quando debba essere potente. L’unità di misura che si usa è il Kw per un impianto espressa meglio in Kwp, dove “p” sta per Picco.

Tutto dipende dalle nostre esigenze. Una volta piú grande era, maggiore sarebbe stata la produzione di kilowatt l’anno Tutto giusto, ma erano i tempi del CONTO ENERGIA, quando tutta l’energia prodotta era remunerata ad un prezzo notevole dal gestore energetico.

Oggi non è piú così, il conto energia si è esaurito da un bel po’ di anni e quindi chi ha intenzione di montare un impianto fotovoltaico per la propria casa lo deve dimensionare in modo corretto.

Dimensionamento dei pannelli fotovoltaici, come calcolare quello giusto?

POTREBBE INTERESSARTI : Costo impianto fotovoltaico, quanto si spende per progettazione ed installazione

Come calcolare il numero dei pannelli fotovoltaici

L’obiettivo di un impianto fotovoltaico per coprire le esigenze di una famiglia è quello di cancellare una percentuale della bolletta elettrica. Questa si chiama coerenza economica di un progetto di autoconsumo.

A meno che non si stia progettando un impianto ad accumulo con batterie fotovoltaiche, non saremo mai indipendenti dalla rete elettrica.
Una delle insidie ​​da evitare nel dimensionamento di un impianto solare è mettere troppi pannelli, da produrre quindi troppa elettricità e non sapendo cosa farne, soprattutto d’estate.

dimensionamento-pannelli

Il numero dei pannelli fotovoltaici necessari per un impianto dipende dalla potenza degli stessi. Ci sono moduli da 150 watt e moduli da 300 watt. Piú i moduli sono “potenti” e maggiore è la loro efficienza, se parliamo di quelli a silicio cristallino.

Quindi, in maniera banale, per un impianto da 3.2 Kwp abbiamo bisogno di 10 moduli da 320 watt.

Per un kit fotovoltaico di solito si usa un solo pannello solare.

Come calcolare la superficie dei pannelli fotovoltaici

In media, una famiglia italiana consuma dai 3.500 ai 4.000 kWh all’anno (escluso il riscaldamento elettrico se ci fosse) . Per avere un’idea precisa del vostro consumo basta prendere tutte le bollette energetiche dell’ anno passato e sommare i consumi bimestrali.

Per la rivendita dell’energia elettrica prodotta dai pannelli fotovoltaici, invece, sono davvero importanti lo spazio a disposizione sul tetto e la durata giornaliera dell’esposizione ai raggi solari. Gli installatori di moduli fotovoltaici possono aiutarti a scegliere il dimensionamento più adatto alla tua situazione personale.

E’ chiaro che un sistema fotovoltaico al Nord Italia produrrà meno rispetto ad uno del Sud Italia. L’insolazione è importante così come l’esposizione.

Quindi ho creato una tabella per darti un primo ordine di grandezza per il dimensionamento dei pannello solari.

Il tuo consumo in kWh l’anno Il tuo consumo in euro Potenza ottimale Numero di pannelli * dimensionamento pannelli fotovoltaici
Meno di 4.000 kWh Meno di 1.000 € 3 kWp 9 22 m²
Tra 4000 e 6.000 kWh Tra 1.000 e 1.500 € 4.5 kWp 13 32 m²
Oltre 6.000 kWh Oltre 1500 € 6 kWp 18 39 m²

* calcolati su pannelli da 350 watt

Il mio tetto è adatto per i pannelli fotovoltaico

Ora conosci la potenza dell’impianto solare che soddisfa le tue esigenze. Tuttavia, è possibile che l’intero tetto non sia utilizzabile per l’installazione di moduli fotovoltaici solari.

Esistono alcuni tipi di copertura che rendono impossibile l’installazione di pannelli solari.

  • Tetti in amianto : dal 1997 l’ amianto è stato bandito in Europa . Tuttavia, fino a quella data, sono stati costruiti molti tetti contenenti amianto. Questo è particolarmente il caso dei tetti in fibrocemento . Sfortunatamente posizionare pannelli solari su tali coperture è impossibile, visti i rischi per la tua salute e per quella dell’installatore. Ciò non significa che non si possa del tutto fare . Puoi sempre rimuovere l’amianto dal tuo tetto.Questo deve essere fatto da un’azienda certificata.  Il prezzo della rimozione dell’amianto può variare a seconda della superficie del tetto e del peso dei rifiuti di amianto da trattare.  Contate tra i 40 e gli 80 € al m² . Quindi dovrai rifare il tetto. Solo allora puoi installare in sicurezza i pannelli solari!
  • Tetti in paglia, tegole di catrame, ghiaia o zinco: purtroppo non consentono di integrarsi nell’edificio (i pannelli solari sostituiscono il tetto) o addirittura il tetto). Si può quindi considerare il tetto come inutilizzabile.

Orientamento tetto e inclinazione

Tutti gli orientamenti sono redditizi, tranne gli orientamenti nord (nord-ovest, nord e nord-est). Ovviamente un impianto solare realizzato sul lato sud avrà le migliori prestazioni.

Ma rivolto verso est o verso ovest, produrrà ottimi risultati. Inoltre, l’inclinazione avrà anche un impatto significativo sulla produzione dei tuoi pannelli solari. Alle nostre latitudini un’inclinazione di 30 ° è ottimale. Questo durante l’estate, se abbiamo la possibilità di muovere i moduli, in inverno dobbiamo “alzarli” perchè il sole è piu’ basso.

Ovviamente nel corso dell’ intera giornata, sia in inverno che in estate, i moduli fotovoltaici non dovranno essere ombreggiati, pena un decadimento nella produzione. L’ombra è il peggior nemico del pannello solare. Fai attenzione a tenere in considerazione questa ombreggiatura, perché se è permanente, il tuo impianto solare non produrrà elettricità.

Se l’ombreggiatura è parziale (cioè solo su una piccola parte della tua installazione e / o temporanea), è diverso.

In Italia del Nord ogni Kw di impianto fotovoltaico è in grado di produrre da 1000 a 1200 kilowatt l’anno. Al centro iTalia da 1200 a 1350, al sud Italia da 1350 a 1500 kilowatt. Ovviamente queste cifre variano anche in base al rendimento dei moduli fotovoltaici, dalla loro efficienza, che varia dalla marca scelta.

2 Comments

  1. sergio Febbraio 17, 2021
    • Gianluca Valli Febbraio 17, 2021

Leave a Reply